Cerchi qualcosa qui dentro? prova qui!

lunedì 16 novembre 2009

La questione del crocifisso.

Riporto integralmente, così come l'ho ricevuta, l'impressione di Don Luigi ciotti di Torino in merito alla questione tanto dibattuta dei crocifissi.
Non è una questione di religione, ma di coerenza che vedo nelle sue parole: centrale non è il crocifisso, ma tutte le persone "in croce" intorno a noi di cui molte volte non ci accorgiamo.
Buona lettura.

Questa e' la mia religione...........!!!!!!!!!!!
don luigi ciotti
torino

I crocifissi da difendere, quelli veri, non sono quelli appesi ai muri delle scuole. Sono altri. Sono uomini e donne che fanno fatica. Che non ce la fanno e muoiono di stenti. E' verso di loro che non possiamo e non dobbiamo restare indifferenti. E' verso di loro che dobbiamo concentrare
i nostri sforzi.
«Un crocifisso è un malato di Aids, che ha bisogno di cure e di sostegno. Un crocifisso è quel ragazzo brasiliano che è morto qualche giorno fa a Torino. A casa aveva lasciato la moglie e i figli, era arrivato qui alla ricerca di un lavoro, e non ce l'ha fatta».

Abbiamo partecipato al suo funerale. C'erano tante persone, molte nemmeno lo conoscevano, ma erano lì ugualmente, a condividerne la sofferenza e il dolore.
«E' giusto lottare per difendere i simboli di quello in cui crediamo, ma allo stesso tempo bisognare stare molto attenti a non cedere al puro idealismo. Lo dice il Vangelo stesso: i pezzetti di Dio sono sparsi nel mondo che ci circonda. Li troviamo ovunque. Nel concreto, nella vita di tutti i giorni, tra le persone che vivono accanto a noi, e di cui spesso nemmeno ci accorgiamo dell?esistenza. E' con queste realtà che dobbiamo imparare ad avere a che fare e a misurarci.
«Bisogna imparare a vivere con corresponsabilità, come i tanti e tanti volontari che dedicano il proprio tempo a un bene che non è esclusivamente loro, ma pubblico, di tutti quanti. Dobbiamo sentirci tutti chiamati in causa, nei grandi nuclei urbani come nei tanti piccoli paesi di provincia. La partecipazione è il primo passo in favore dei più deboli.
«I crocifissi non si difendono soltanto con le parole. Infatti queste troppe volte non bastano. Bisogna imparare ad affrontare la realtà con concretezza, e tendere la mano alle persone sole, a chi non ha più una famiglia e a chi non può ricorrere all'aiuto dei propri cari».

Cris

...

1 commento:

  1. Io sono a favore della rimozione dei crocifissi ma concordo con quello che dice il Don.

    Meno male che esistono dei membri del clero che danno il buon esempio.

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati, ma occorre, in linea con il blog, mantenere un linguaggio appropriato.
grazie