Cerchi qualcosa qui dentro? prova qui!

venerdì 9 ottobre 2009

L'economia mondiale nell'anno 2009

Riporto una racconto breve, brevissimo che ho ricevuto oggi via mail, e che disegna bene, nella sua semplicità, di quali soldi banche ed istituzioni riempiano i loro report e le loro videate: numeri, ma le banconote?
 i soldi veri ?
 i piani d'impresa ?
 lo sviluppo di un piano industriale ?
 gli investimenti ?

solo muovere i numeri, ed i soldi virtuali, forse non basta a fare di questo mondo un mondo migliore, credo serva più impegno.
"

E' agosto sulle spiagge del Mar Nero. Sta piovendo e la città è totalmente deserta.
Sono tempi duri e tutti hanno debiti e vivono a credito.
Improvvisamente arriva in città un ricco turista.
Entra nell'unico albergo, lascia una banconota da 100 euro sul bancone della reception e va a vedere le stanze di sopra per sceglierne una.
Il proprietario dell'albergo prende i 100 euro e corre a pagare il suo debito col macellaio.
Il macellaio prende i 100 euro e corre a pagare il suo debito con l'allevatore di maiali.
L'allevatore di maiali prende i 100 euro e corre a pagare il suo debito col suo fornitore di mangime e carburante.
Il fornitore di mangime e carburante prende i 100 euro e corre a pagare il suo debito con la prostituta della città, che in questi tempi difficili gli fornisce i suoi servizi a credito.
La prostituta prende i 100 euro e corre all'albergo a pagare il proprietario per le camere che le fornisce a credito quando porta i suoi clienti.
Il proprietario dell'albergo prende i 100 euro e li posa sul bancone della reception in modo che il turista non sospetti nulla.
In quel momento, dopo avere ispezionato le stanze, viene giù il turista, riprende i suoi 100 euro e, dopo avere detto che non gli piacciono le stanze, lascia la città.
Nessuno ha guadagnato nulla.
Comunque, l'intera città non ha più debiti e guarda al futuro con ottimismo.
E questo, è il modo in cui il mondo fa affari oggigiorno! 
"

Buona giornata
Cris

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, ma occorre, in linea con il blog, mantenere un linguaggio appropriato.
grazie