Cerchi qualcosa qui dentro? prova qui!

lunedì 31 agosto 2009

Dopo la pausa...

siamo stati fuori (in tutti i sensi) anche noi!

Quest'anno le vacanze sono state spezzettate, ma belle, non abbiamo fatti i viaggiatori, ma ugualmente ci siamo rilassati ed abbiamo goduto di un bellissimo posto: Chiomonte.

Ricco di attività, con un clima invidiabile, immune dal vento (e vi assicuro che non è poco) è stata la nostra casa per tre settimane.

Non siamo neofiti del posto, io vado a Chiomonte da quando son bambino, ma da qualche anno Zalf (il fratello grande) ha una casa nel paesino sopra Susa, e noi ne abbiamo approfittato.

Il paese si arrocca sulla sponda destra della val di susa (salendo), in un tratto piuttosto ripido della valle.

Ha di fronte a se la frazione Ramats, un piccolo borgo dove è presente un piccolo bacino per la produzione di corrente elettrica.
Per raggiungere la frazione si può scendere dal centro del paese, lungo via roma fino ad un piccolo ponte sul fiume Dora a fondo valle, e risalire nel versante opposto della valle, oppure proseguire sulla statale oltre Chiomonte fino al ponte di Exilles dove una deviazione verso destra porta alla Ramats.
La frazione è piccola, sede di una bocciofila, di una bella chiesa del 1600 circa, ma sopratutto sede del circolo ricreativo Ramats, dove Pasquale saprà deliziarvi con fantastiche mangiate di pesce.
Una locanda dal sapore antico, famigliare, dove si può chiacchierare con Dorina e Pasquale gustando il prelibato pesce che sanno cucinare.

Altra bella frazione di Chiomonte è il Frais: situato a 1500m slm sopra il comune sarà presto raggiungibile da una nuova seggiovia che permetterà di trasportare in quota anche le mtb.
Roberto, consigliere comunale con delega allo sport, ha già comunicato l'intenzione di tracciare sentieri in discesa vero Chiomonte con diverse difficoltà.
Quest'anno Roberto e Carletto (altro amante della mountain bike) hanno sperimentato un corso di avvicinamento al free ride per ragazzi dai 10 ai 16 anni con una buona risposta: l'ultima uscita ha visto proprio i ragazzini scendere dal Frais a Chiomonte su prati sentieri e ripide mulattiere. (presto metto le foto)

Chiomonte ha presentato anche sabato 29 Agosto una serata dedicata a danze e musiche occitane a cui ha partecipato un sacco di gente.

Tre settimane nella frazione ci hanno permesso di riassaporare i ritmi calmi della vita che a casa spesso dimentichiamo, ma non ci hanno impedito di far diverse gite.

Siamo stati al nuovo parco avventura Chaberton di Cesana, bellino, ma un po caro rispetto ai percorsi offerti: un baby , veramente baby, a un metro da terra, ed uno "alto" a circa sei o sette metri senza particolari difficoltà, e con la richiesta, a termine percorso di riconsegna degli imbrachi: mi pare un po assurdo per 18euri.

Il secondo parco visitato... è stato completamente differente: SPETTACOLARE, direi, ma merita un post dedicato, vi dico solo che si raggiungono i 25 metri d'altezza, e 70 km/h con la carrucola!

Altre belle gite sono state alle cascate di Novalesa, ed ai prati sopra il Frais, sempre bellissimi.

Immancabile una puntatina in Francia a bagnarsi i piedi nelle freddissime acque del torrente Ardeche, e poi in quelle più calde della bella piscina di Briançon: peccato per i troppi italiani maleducati che abbiamo trovato.

Impagabile la splendida visat sul Rocciamelone che si ha da Chiomonte: ogni giorno un buon giorno.

Per il resto fontane, tanti giovani, ed un paese vivo e ricco da vivere.

Ciauz
Cris e truppa.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, ma occorre, in linea con il blog, mantenere un linguaggio appropriato.
grazie