Cerchi qualcosa qui dentro? prova qui!

martedì 10 febbraio 2009

Le notizie del giorno.

Quattro sono le notizie che oggi popolano le nostre testate.

Eluana Englaro lascia questo mondo,
e quaste mondo la fa sparire nel ridicolo di litigi e poca sensibilità, nella nostra triste realtà di popolo schiavo della televisione, talmente vinto dal potere mediatico da non accorgersi che una persona, una persona che stava muovendo l'opinione pubblica, è mancata all'affetto che lehanno riserbato in anni i suoi cari.
Una schiavitù talmente forte da trasformare in veglia funebre il top degli ascolti del peggio della TV: il grande fratello.
Curarsi delle malcelate forme poco virtuose di scorbutici pagliacci in cerca di applausi è stato considerato da 8 milioni di persone la cosa giusta da fare!
Un applauso, lo meritate davvero.

Bricherasio, Torino: una donna, un dramma, un'altra vita che lascia un vuoto.
Un infante di otto anni da due giorni cerca una mamma che non può risponderle, e per il resto della sua vita non saprà perchè, dall'età di otto anni, otto piccoli piccolissimi anni, la sua mamma non gli ha più rimboccato le coperte la sera.
si, lo so, rischio di cadere in una forma di compassione che non ci è concessa, che non possiamo provare per il mondo intero, ma nemmeno il distacoc è la soluzione.
Un atteggiamento di comprensione e di rispetto devono muoverci, e soprattutto un impostazione interiore volta a far nostra la parte più razionale del dramma, quella che deve insegnarci come queste cose possano e debbano essere evitate.
Non sono i soldati in città a far sicurezza, ma il riaffermarsi delal fiducia tra gli uomini: un sentimento da conquistare, che spesso si trascura.

Mentana lascia mediaset.
ho già detto altrove la mia, stimo Enrico come roccaforte di serietà, ed ammiro la sua fermezza. spero non si tratti di una questione mediatica, ma di un idea di professionalità che il direttore porta con se da tempo.


Avevo detto quattro?
forse queste tre sono già sufficientemente tristi.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, ma occorre, in linea con il blog, mantenere un linguaggio appropriato.
grazie